I volontari a Dakar: Rita

IMG 20181027 WA0003In questa domenica romana di pioggia, vi vogliamo presentare Rita, 38 anni, psicologa psicoterapeuta, amante dei viaggi per conoscere il mondo e le culture diverse dalla sua. 

Rita, come hai conosciuto Diritti al cuore?
Ho conosciuto l'associazione tramite delle colleghe di lavoro.
Stai per partire per il Senegal per la tua prima missione: cosa ti ha spinto a partecipare a questo viaggio?
La voglia di toccare con mano tutto quello di cui ho sentito parlare in associazione, i progetti che abbiamo in Africa, capire realmente come sono organizzati e finalmente farne parte in prima persona. La voglia di mettersi in gioco in qualcosa che ho sempre desiderato fare e che finalmente ho avuto l'occasione di fare.
Quali sono le tue aspettative?
Tendo a non farmi aspettative particolari
Quali le tue speranze?
Spero di stupirmi! Spero di trovare una situazione stimolante, di riconoscere le cose che ho sentito nei racconti delle persone che sono partire prima di me e di aggiungere a queste immagini emozioni e riflessioni nuove. Spero di trovare un gruppo coeso e unito, e anche di divertirmi. Infine spero di conoscere anche aspetti di me nuovi, una crescita.
 Hai un qualche tipo di timore?
No. 
Obiettivi della missione? 
Farò parte dell'equipe non sanitaria, quindi starò al triage e aiuterò i medici nelle visite facendo la prima accoglienza. In più mi occuperò di seguire il progetto dello sportello d'ascolto per le donne vittime di violenza, al.quale già sto partecipando in Italia. 
Cosa non vedi l'ora di....?
Non vedo l'ora di vedere grandi sorrisi, di conoscere tante persone, di entrare in punta di piedi in una cultura diversa dalla mia e di portarmi a casa un'esperienza importante.